Home > Visualizza testo > Prima pagina del capitolo "Verità.A."

VISUALIZZA TESTO


[Pagina: 499]


AURA.
Una fanciulla con i capelli biondi sparsi al vento, con bella ac-
conciatura di varii fiori in capo.
Il viso sarà alquanto grasso, cioè con le gote gonfie simili a quelle de i
venti, ma che sieno tali che non desdicano a gl'homeri, porterà l'ali, le
quali saranno di più colori, ma per lo più del colore dell'aria, et spar-
gerà con ambe le mani diversi fiori.
Aure sono tre, la prima è all'apparire del giorno, la seconda a mezzo
giorno et la terza verso al sera.
Furno pinte dalli Poeti fanciulle, piacevoli, seminatrici de' fiori, con
l'occasione de' quei venticioli, che al tempo della primavera vanno dol-
cemente spargendo gli odori de' fiori, come dice il Petrarca in una sestina
dove dice:
Là ver l'aurora che sì dolce l'Aura
Al tempo nuovo suol muovere i fiori.

E nel Sonetto 162.
L'Aura Gentil, che raserena i poggi
Destando i fior per questo ombroso bosco,
Al suave suo spirto riconosco
etc..
Giovane et con l'ali si dipinge, per rappresentare la velocità del suo
moto.

VERITÀ.
Una bellissima donna ignuda, tiene nella destra mano alta il Sole,
il quale rimira, et con l'altra un libro aperto con un ramo di pal-
ma et sotto al destro piede il globo del mondo.
Verità è un habito dell'animo disposto a non torcere la lingua dal drit-
to et proprio essere delle cose, di che egli parla et scrive, affermando so-
lo quello che è, negando quello che non è, senza mutar pensiero.
Ignuda si rappresenta, per dinotare che la simplicità gli è naturale;
onde Euripide in Phaenissis dice esser semplice il parlare della verità, ne li
fa bisogno di vane interpretationi, percioché ella per sé sola è opportu-
na. Il medesimo dice Eschilo et Seneca nell'Epistola quinta, che la veri-
tà è semplice oratione, però si fa nuda, come habbiamo detto, et non de-
ve havere adornamento alcuno.
Tiene il sole per significare che la verità è amica della luce, anzi ella è
luce chiarissima, che dimostra quel che è.
Si può anco dire che riguarda il sole, cioè Dio, senza la cui luce non è
verità alcuna, anzi egli è l'istessa verità, dicendo Christo N. S. Io sono
Via, Verità, et Vita
.
Il libro aperto accenna che ne i libri si suona la verità delle cose et per-
ciò lo studio delle scienze.
Il ramo della palma ne può significare la sua forza, percioché, sì come
è noto che la palma non cede al peso, così la verità non cede alle cose contra-
rie et benché molti la impugnano, nondimeno si solleva et cresce in alto.